Solo la Sampdoria

“Sergio Corbucci è considerato, insieme a Sergio Leone, uno dei maestri dello Spaghetti Western”, recita Wikipedia, ma la pellicola passata qualche sera fa in Sala Anchovi (esordio) e’ una classica commedia anni ’80 che ha come protagonisti due dei principali interpreti dell’epoca: Johnny Dorelli (saltuariamente prestato al cinema dal teatro) e il genovesissimo Paolo Villaggio.
Sono loro a tenere in piedi questo “A tu per tu” (1984), commedia altrimenti decisamente sciatta.
                               
Si parte con I colori blucerchiati portati alla ribalta sul grande schermo dal tifosissimo Paolo Villaggio e per un amante del genere e’ un piacere assistere a tutto cio’, ma il mio entusiasmo si spegne man mano che la pellicola gira.
Come detto, infatti, questa commedia vive di una trama banale tenuta in piedi solo dalle interpretazioni dei due protagonisiti, in particolare quella di Dorelli nei doppi panni dell’imprenditore Emanuele Sansone e di sua sorella.
Anche il finale e’ decisamente scontato, seppur fa sempre piacere vedere un povero dal cuore buono che diventa ricco e uno stronzo ricco che diventa povero.
In conclusione questa pellicola mi ha lasciato solo il pensiero in testa che forse il tassinaro Gino Sciaccaluga sarebbe meglio di Ferrero come presidente del Doria!
(Ste Bubu)

Nessun commento:

Posta un commento