Mario contro gli USA

Ueilà ‘rofumanti! Com’è? Ecco la mia prima recensione direttamente dalla terra di Jah!
Giovedì sera, in Sala Roots (alias la mia nuova abitazione in Port Antonio, Portlan, Jamaica), ho buttato sul mio piccolo schermo un Mario Monicelli. “La mortadella” (1971) è una pellicola frizzante soprattutto per la prestazione di Sofia Loren, ammagliante in certi sguardi, accattivante nella recitazione e amabile nelle esibizioni canore. Interessante la critica che Monicelli muove nei confronti della società USA, capitalista e meschina, ma anche ai movimenti di ribellione italiani degli anni ’70, basati su sani, ma fragili principi. 

Michele Bruni (Gigi Proietti) incarna questa seconda critica, da operaio militante di sinistra si è infatti trasformato in migrante servile e Maddalena (Sofia Loren) lo molla.
Il film è ambientato a New York, città simbolo degli Stati Uniti e del sogno americano, dalla quale Maddalena non si fa soggiogare. Vorrebbe conquistarla e non tornare in Italia, ma mantiene sempre uno sguardo giustamente critico nei suoi confronti, che è lo sguardo di Mario e che è il nostro.
 Il giornalista del Daily News, Jock Fenner (William Devane) sarà l’unico in grado di affascinare la scatenata operaia napoletana per portarla a conoscere la città e i suoi lati oscuri, ma anche lui finirà scaricato.
Maddalena si sarà così liberata di tutte le costrizioni impostale dalla società e dalle bassezze umane.
Da segnalare le comparsate di Danny De Vito e Susan Sarandon.
In conclusione giudico questa pellicola, non una delle migliori opere del maestro, ma comunque una commedia godibile e dal messaggio condivisibile.
(Ste Bubu)

Nessun commento:

Posta un commento